LAURI VOLPI - Voci Parallele
LAURI VOLPI - Voci Parallele
LAURI VOLPI - Voci Parallele
LAURI VOLPI - Voci Parallele
LAURI VOLPI - Voci Parallele
LAURI VOLPI - Voci Parallele

LAURI VOLPI - Voci Parallele

Regular price €30,00 Save Liquid error (product-template line 131): Computation results in '-Infinity'%
/
Tax included. Shipping calculated at checkout.

GIACOMO LAURI VOLPI - Voci Parallele (2022)
Ristampa dell'edizione del 1977. Include 2 Compact Disc con 49 brani eseguiti da cantanti descritti nel volume (2 brani inediti di Aureliano Pertile e Antonin Trantoul). Copertina flessibile, 220 pagine

***

GIACOMO LAURI VOLPI - Parallel Voices
Updated, revised and commented version with 2 CDs containing 49 recordings by singers discussed in the book, including two unreleased recordings by Aureliano Pertile and Antonin Trantoul. Paperback, 220 pages. 

ENGLISH VERSION AVAILABLE IN FALL 2022 

***
Voci Parallele di Giacomo Lauri-Volpi (1892-1979) ha affascinato appassionati di opera, studenti e maestri di canto sin dalla prima pubblicazione nel 1955 (Garzanti, Milano). Il titolo e il concetto di "voci parallele" sono stati ispirati da Vite parallele di Plutarco, in cui lo storico greco tratteggiava profili di personaggi greci e romani uniti da un simile destino e significato storico. Il corpo principale del volume è costituito da oltre duecento "paralleli" di cantanti, da Giuditta Pasta a Jaime Aragall e, quindi, copre circa due secoli di canto operistico. I criteri di selezione di Lauri-Volpi per mettere in parallelo due cantanti variano dalle somiglianze nel timbro, nella tecnica, nello stile, ai tratti caratteriali condivisi, all'intensità dell'espressione, agli errori di tecnica, agli sviluppi di carriera simili, al repertorio, alle scelte - ma anche alla parentela, alle origini e alla somiglianza fisica. La scelta dei cantanti si concentra ovviamente sulle voci di cui l'autore aveva un resoconto di prima mano. Generalmente predilige i latini e si concentra sui cantanti italiani. I cantanti wagneriani presenti sono solo quelli che hanno cantato anche il repertorio italiano (Rethberg, Melchior, Nilsson). Flagstad, Lehmann e Björling compaiono solo in note a piè di pagina. Una scelta che potrebbe non essere rappresentativa, ma che è certamente di grande interesse storico.
Per tanti appassionati di canto di tutto il mondo, Giacomo Lauri-Volpi è stato l'ultimo depositario della scuola vocale romantica dell'800. Studiò all'Accademia di Santa Cecilia sotto la guida di Antonio Cotogni, fu poi chiamato a combattere nella Prima Guerra mondiale con il grado di ufficia- le. Debuttò nel 1919 ne I Puritani a Viterbo. La sua carriera si svolse nei più grandi teatri del mondo, dalla Scala al Covent Garden di Londra, dal Metropolitan al Colón di Buenos Aires. A tutti gli effetti, può essere considerato un tenore da leggenda. Leggendario era infatti il suo modo di porsi rispetto agli altri cantanti degli anni '20 e '30, per il fatto di apparire come l'ultimo superstite di un'epoca lontana, mitica e aristocratica, capace di dominare parti che nessun altro era in grado di cantare, in opere come Gli Ugonotti, Guglielmo Tell, I Puritani. Negli ultimi anni di carriera la sua fama sembrò destinata a brillare ancora maggiormente in quanto il timbro aveva mantenuto la sua lucentezza e gli acuti la loro formidabile lama d'argento: la leggenda anziché affievolirsi prendeva ancor più corpo. La voce che Puccini aveva ritenuto ideale per la parte del Principe ignoto e che Toscanini aveva voluto come Manrico per portare all'estero il suo Trovatore scaligero, non smise di emozionare il pubblico, anche una volta ritiratasi dalle scene: fino alle ultime trionfali apparizioni del 1972 al Liceu di Barcellona e del 1977 al Teatro Real di Madrid dove "la Voce Solitaria ha ricevuto l'apoteosico omaggio della Spagna musicale e ha dimostrato di non temere la vicinanza delle voci più quotate del momento, eseguendo in tono la canzone del Rigoletto con la cadenza che ascende fino al do diesis sopracuto."

COMPACT DISC 1
GIUSEPPE BORGATTI • PUCCINI - TOSCA: “E lucevan le stelle”
LAURITZ MELCHIOR • VERDI - OTELLO: “Dio, mi potevi scagliar” (in tedesco)
ALESSANDRO BONCI • BELLINI - I PURITANI: “A te o cara”
JOHN MAC CORMACK • DONIZETTI - LUCIA DI LAMMERMOOR:
ANTONIO PAOLI • VERDI - IL TROVATORE: “Di quella pira”
BERNARDO DE MURO • VERDI - OTELLO: “Ora e per sempre addio”
FRANCISCO VIñAS • VERDI - UN BALLO IN MASCHERA: “Ma se m’è forza perderti”
MIGUEL FLETA • BIZET - LES PÊCHEURS DE PERLES: “Mi par d’udire ancor”
LUCIEN MURATORE • GOUNOD - ROMÉO ET JULIETTE: “Ah lève-toi soleil”
AURELIANO PERTILE • VERDI - AIDA: “E patria e trono”
HIPOLITO LAZARO • BELLINI - I PURITANI: “A te o cara”
MARIO FILIPPESCHI • PUCCINI - MADAMA BUTTERFLY: “Addio fiorito asil”
FRANCESCO MERLI • ZANDONAI - GIULIANO: “La voce orrenda”
ANTONIN TRANTOUL • PUCCINI - LA BOHÈME: “Che gelida manina”
ISMAELE VOLTOLINI • VERDI - IL TROVATORE: “ Deserto sulla terra”
GALLIANO MASINI • GIORDANO - ANDREA CHÉNIER: “Sì, fui soldato”
MATTIA BATTISTINI • BELLINI - I PURITANI: “Bel sogno beato”
GIUSEPPE DE LUCA • DONIZETTI - LINDA DI CHAMOUNIX : “Ambo nati”
VICTOR MAUREL • VERDI - OTELLO: “Era la notte”
MARIANO STABILE • DONIZETTI - LUCIA DI LAMMERMOOR: “Cruda funesta smania”
TITTA RUFFO • FRANCHETTI - CRISTOFORO COLOMBO: “Aman lassù le stelle”
GINO BECHI • THOMAS - HAMLET: “Spettro santo”
MARIO SAMMARCO • VERDI - IL TROVATORE: “Il balen del suo sorriso”
JOSÉ SEGURA TALLIEN • DONIZETTI - LA FAVORITA: “A tanto amor”
PASQUALE AMATO • VERDI - I DUE FOSCARI: “Questa dunque è l’iniqua mercede”
 
COMPACT DISC 2
BENVENUTO FRANCI • VERDI - AIDA: “Quest’assisa ch’io vesto”
CARLO GALEFFI • MASCAGNI - GUGLIELMO RATCLIFF: “È sempre il vecchio andazzo”
GIANGIACOMO GUELFI • PUCCINI - TOSCA: “Tre sbirri, una carrozza”
DOMENICO VIGLIONE BORGHESE • FRANCHETTI - GERMANIA: “Ferito prigionier”
PAOLO SILVERI • DONIZETTI - LA FAVORITA: “Vien Leonora”
MARIO BASIOLA • VERDI - IL TROVATORE: “Il balen del suo sorriso”
ALDO PROTTI • VERDI - UN BALLO IN MASCHERA: “Alla vita che t’arride”
GIUSEPPE DANISE • MASSENET - HÉRODIADE: “Vision fugitive”
CARLO TAGLIABUE • LEONCAVALLO: PAGLIACCI: “Un nido di memorie”
ROSINA STORCHIO • LEONCAVALLO: LA BOHÈME: “Mimì Pinson”
MAFALDA FAVERO • PUCCINI - MANON LESCAUT: “In quelle trine morbide”
EMMA CARELLI • PUCCINI - TOSCA: “Vissi d’arte”
GILDA DALLA RIZZA • VERDI - LA TRAVIATA: “È strano... ah fors’è lui”
ROSA PONSELLE • VERDI - ERNANI: “Ernani, Ernani involami”
MARIA CANIGLIA • CATALANI - LA WALLY: “Ebben ne andrò lontana”
ELISABETH RETHBERG • VERDI - UN BALLO IN MASCHERA: “Ma dall’arido stelo”
GIANNINA ARANGI -LOMBARDI • VERDI - IL TROVATORE: “Tacea la notte placida”
ROSETTA PAMPANINI • PUCCINI - LA BOHÈME: “Donde lieta uscì”
LINA BRUNA RASA • MASCAGNI: CAVALLERI RUSTICANA: “Voi lo sapete o mamma”
RINALDO GRASSI • PUCCINI - MANON LESCAUT: “Donna non vidi mai”
FRANCO CORELLI • PUCCINI - MANON LESCAUT: “Tra voi belle”
MANSUETO GAUDIO • BOITO - MEFISTOFELE: “Su, cammina, cammina”
TANCREDI PASERO • BELLINI - LA SONNAMBULA: “Vi ravviso o luoghi ameni”
GIACOMO LAURI VOLPI • ROSSINI - GUGLIELMO TELL: “O muto asil del pianto”