L’etichetta Discografica

La casa musicale Bongiovanni è attiva a Bologna nel campo dell’editoria musicale fin dal 1905.
Il suo fondatore, Francesco Bongiovanni, si dedicò alle edizioni musicali, pubblicando opere di autori come Respighi, Zandonai, Alfano, Cimara, Pratella.
Soltanto negli anni ’70 all’attività editoriale, peraltro mai abbandonata, si è affiancata la produzione discografica.
La prima incisione discografica – un concerto dal vivo del soprano Mirella Freni – valse nel 1975 il premio della critica discografica italiana. Il significativo successo di questo primo disco “live” indicò la strada, battuta allora soltanto dalla discografia non ufficiale e ignorata dalle grandi case discografiche, oggi seguita dalle piccole marche come dalle multinazionali del disco: quella della registrazione dal vivo.

Logo Bongiovanni etichetta discografica In quella circostanza nacque un marchio dal gusto quasi confidenziale nei confronti del pubblico, e che aveva la pretesa di vantare, non senza un pizzico di orgoglio, una pluriennale militanza tra gli “addetti ai lavori”. Col passare degli anni la produzione discografica ebbe via via un ulteriore sviluppo, e il marchio che celebrava la ricorrenza del settantesimo anno di vita della casa musicale non venne più cambiato, un po’ per ricordare – senza retorica o scopi di marketing – l’inizio artigianale di quell’attività, un po’ per connotare la stessa, relativamente nuova, di un sentore di antica tradizione.

A quella prima incisione seguirono così le registrazioni di recitals di cantanti lirici di fama mondiale, quali Renato Bruson, Marilyn Horne, Sesto Bruscantini, Martine Dupuy, Carlo Bergonzi, Piero Cappuccilli, Mariella Devia, Giuseppe Giacomini; e la proposta di opere liriche di rara esecuzione, di autori celebrati e di altri da tempo dimenticati, quali Donizetti, Catalani, Cimarosa, Mercadante, Pergolesi, Bizet, Mascagni, Paisiello. Dalla metà degli anni 2000 è iniziata anche la produzione di DVD Video dedicati a titoli operistici di rara esecuzione.

Show Right Sidebar: